Un colpo allo stomaco

 

da Bored Panda, l’immagine dedicata #do you see it Now

Il senso di imbarazzato fastidio, o di pietà con la quale la condivisione di quest’immagine è stata stracommentata girovando nei social (qualcuno arrivando a chiedermi di toglierla dalla bacheca perchè disturbante) mi spinge a qualche riflessione, buttata la per far fronte al senso di vergogna che opprime chiunque veda la morte composta di Aylan (le altre immagini dedicate da illustratori e artisti sono qui )

Riflessione numero 1

Il linguaggio dell’immagine è meno crudo e meno violento di quello che la comunicazione media delle Onlus fa passare all’interno dei palinsesti: bambini dal ventre gonfio, bambini picchiati, affamati, resi ciechi o schiavi; tuttavia bambini vivi, che possono appiattire il senso della pietà con la speranza che riescano a sopravvivere grazie alla telefonata o alla donazione.
Non è mica così vero: il linguaggio della comunicazione che aggredisce chi sta inforchettando la pasta non può e non deve nascondere che la realtà media è che quei bambini vivi che vediamo hanno un’aspettativa di vita così ridotta da poterci indurre a pensare che nel tempo che passa tra la foto/il video siano già morti: eppure non li percepiamo come disturbanti, perchè sembra che qualcuno si stia occupando di loro, lavandoci la coscienza, e le mani, dai nostri piccoli egoismi.

Prima della tragica morte nel viaggio della speranza di Aylan qualcuno ricorda la campagna di Save The Childern ?

E’ datata 15 febbraio 2014: dove eravamo mentre succedeva, tutti noi ?
Non era disturbante, angosciante, avvoltoiesca: probabilmente per quello non ha mosso il mondo come la sta muovendo l’immagine scattata per Reuter.

 

la campagna Save the Children per i bambini Siriani

Il sospetto è che le immagini – disturbanti, terribili, angoscianti – che vengono utilizzate pertengano all’immaginario della comunicazione e quindi dei linguaggi filtrati: una semantica psicologica che ci induce a vederle non come immagini ma come prodotto/servizio da acquistare, perdendo il contatto con la realtà che rappresentano per diventare scene immaginarie che de-contestualizzano l’ansia trasformandola in scelta d’acquisto.

Riflessione 2

Ogni guerra ha la sua immagine simbolo. Di un bambino.

La foto simbolo dell’invasione nazista della Polonia

La bambina di Hiroshima

Che immagini di questo tipo diventino il simbolo del rifiuto della guerra pertiene al nostro standard di mammiferi, che riconoscono il cucciolo e tendono a difenderlo dalle aggressioni, come se il linguaggio cedesse il posto a qualcosa che sta nella corteccia cerebrale: quella in corso nel Mediterraneo e alle frontiere dei paesi ricchi è una guerra, e ne ha ottenuto lo status anche grazie alla sua immagine simbolo.

Riflessione 3

Al prossimo che leggo con il suo “poteva essere mio nipote/figlio” mi parte il vaffanculo: la necessità che dimostra di doverci immedesimare attraverso la prossimità e il paragone per fare delle scelte eticamente consapevoli puzza di carità più pelosa di un tappeto di capra: no, specifichiamolo bene, Aylan non era figlio o nipote, ma nella foto non è nero, non è africano, è vestito con la cura con cui si veste un bambino europeo.

Però era curdo: cosa sia stata la tragedia del popolo curdo, consumata sotto i nostri occhi e spesso sponsorizzata dalla chimica del Nord del mondo, non serve mica dirlo.

Oggi tedeschi e austriaci salutano, in nome di un bambino morto, l’arrivo dei profughi siriani nel nostro piccolo mondo; l’Inghilterra dichiara di aprirsi all’accoglienza; all’Italia resta l’effettiva difficoltà di gestire un’emergenza che ha i tratti della tragedia alla quale si assiste impotenti: Salvini.
Cosa avevate capito ?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...